"Dicono che il rinnovamento è una virtù nelle organizzazioni. Non ci ho mai creduto se non fosse accompagnato da un miglioramento delle azioni intraprese dai nuovi manager ". Non perdetevi queste grandi riflessioni di Javier Casadesús, che parla della "staffetta" a capo della FEP.

Padel World Press .- La Federazione spagnola di Paddle ha scelto lo scorso luglio 23 per un nuovo presidente, Alfredo Garbisu, che è succeduto a Miguel Medina, che ha presieduto gli ultimi 17 anni. Di lui e della sua squadra, sia il Consiglio di amministrazione che i professionisti della casa, dipenderanno dal fatto che il rinnovo sia in questo caso una virtù o meno.

Il FEP è nato e cresciuto nei suoi primi anni in un periodo in cui non esistevano federazioni autonome o circuiti professionali (almeno in Spagna). Un tempo in cui la FIP, l'International Paddle Federation, era solo un'appendice delle federazioni argentine e spagnole.

Logicamente, in quei primi anni il FEP ha esercitato un ruolo esclusivo nell'organizzazione del padel nazionale e della leadership nell'IFJ. Dall'emissione di tutte le licenze, all'organizzazione di tutti i Campionati sia Professionisti (in qualche modo chiamando i migliori tornei del tempo), come Minori, attraverso l'organizzazione dell'insegnamento.

Con questi precedenti è logico pensare che la FEP abbia acquisito i tic, che sebbene non possano essere descritti come autoritari, necessariamente sono nati dalla non collaborazione con il resto delle istituzioni inesistenti. Se non ci sono interlocutori, non c'è nessuno con cui negoziare.

La Spagna è uno stato decentralizzato e lo sport non sfugge a questa realtà. Ecco perché, con il tempo, le incipiente federazioni territoriali stavano crescendo e assumendo competenze che in precedenza toccavano al FEP. La FEP ha persino smesso di rilasciare licenze in quei territori (fino ad oggi, dove c'è una sola comunità che non l'ha ancora fatto).

La Spagna appartiene anche a una zona capitalista, dove l'iniziativa privata coesiste con istituzioni pubbliche o che svolgono una funzione pubblica. Con la crescita di padel, alcune aziende hanno visto un'opportunità di business e si sono lanciate nell'organizzazione di circuiti non federati. Alcuni sono andati oltre e sono riusciti a ottenere il monopolio di Professional Pádel.

La FIP è passata da alcuni paesi a 20. Inoltre, questi paesi volevano assumere un ruolo più significativo nello sviluppo del padel mondiale.

E il FEP? Come dovrebbe, dovrebbe e dovrebbe reagire a questo ambiente? Beh, come può essere altrimenti, negoziando con gli attori che lo accompagnano nell'organizzazione del padel spagnolo e mondiale.

Il FEP deve negoziare con il World Pádel Tour, l'organizzatore del Circuito professionale, partendo dal presupposto che WPT è il proprietario del "Circus professionale". Devi anche negoziare con i giocatori, alcuni dei quali già professionisti.

Il FEP deve negoziare con le Federazioni Autonome, poiché queste sono entità indipendenti alle quali la legge concede loro l'ordine del padel in ciascuno dei loro territori e che sono integrate, questo è fondamentale per capirlo, volontariamente nel FEP.

Il FEP deve negoziare dall'umiltà con l'IFJ, poiché è a questo che corrisponde l'organizzazione del padel mondiale.

Ma non dovremmo pensare che il ruolo della FEP debba essere marginale. La FEP ha alcune attribuzioni (come l'organizzazione dei campionati spagnoli, le selezioni spagnole o la rappresentazione del paddle spagnolo) che la rendono oggi l'istituzione più potente al mondo padel ... Ma devi capire che la sua forza risiede nella relazione che ha con gli altri attori.

Quindi, l'aspirazione della FEP dovrebbe essere quella di guidare la FIP (dato che non può essere altrimenti il ​​paese con un numero di licenze e professionisti di gran lunga superiori al resto insieme), ordinare e guidare il padel spagnolo e le relazioni tra federazioni regionale. E per aiutare World Pádel Tour nella sua espansione e consolidamento, sempre, sì, dal ruolo ad esso attribuito dalle nostre leggi, che non è altro che quello di ordinare la pagaia, sia essa professionale o amatoriale.

Il rinnovo sarà positivo nella FEP se Mr. Alfredo Garbisu ei suoi collaboratori riusciranno a trasformare questo nuovo panorama in una forza, riaffermando la Federazione spagnola come un'istituzione centrale che può assumere il suo ruolo, a volte come leader e altri come compagno, ma sempre fondamentale.

Questo può essere fatto con l'aiuto delle Federazioni Autonomiche 16 che lo hanno portato alla presidenza e, con assoluta certezza, anche con il rimanente 2 che, una volta che il processo è finito, deve giocare un ruolo importante come il resto.

Javier Casadesús

@JavierCasadesus

* Puoi seguire tutte le notizie del mondo della pagaia nei nostri profili di Facebook y Twitter così come iscriversi al nostro Newsletter Notizie quotidiane

Commenti

Commenti