Lei è uno dei giocatori con il sorriso più bello del circuito femminile. Sempre amichevole, attento ad ogni dettaglio con un aspetto che è tutto dolcezza, dentro la corte diventa un vero guerriero, che non dà una singola palla per la perdita.

Combattente, anticonformista e molto combattivo, Nela Brito affronta un 2014 pieno di cambiamenti. Non solo giocherà nel team di OchoPadel, ma cambierà anche partner e si unirà a Valeria Pavón con il fermo obiettivo di consolidare la sua posizione tra le migliori coppie del mondo.

Cosa ti aspetti da questa campagna? Quali sono le tue prossime sfide? Non perdere tutto ciò che ci hai detto in questa intervista completa.

Come e quando è nata la possibilità di giocare con Vale?

La possibilità di giocare insieme è nata dopo la disputa del WPT Valencia. Dopo quel torneo, Cata e Vale, che erano stati insieme per diversi anni, decisero di separarsi e fu allora che tutto iniziò a scatenarsi.

Cosa significa per te suonare con qualcuno come lei?

Per me, giocare con Vale significa molte cose. Ho sempre voluto che avessimo l'opportunità di giocare di nuovo insieme. Nel mio caso, è come sogno ancora, ancora avere l'illusione che condividiamo nel nostro primo anno in Spagna, quando siamo venuti con il biglietto pagato per il nostro sponsor e fame di vincere per arrivare soldi per rimanere. Mi ricordo molti aneddoti, come giocare il torneo di Bilbao dal Pre-Preview, un Lunedi perché non avevamo punti e raggiungere la finale, e giocare la nostra prima Coppa del Mondo e finalisti ... Ci sono mille ricordi e, per me, il migliore della mia carriera Giocare di nuovo con Vale è rivivere tutto ciò.

Cosa puoi contribuire al tuo gioco e cosa può contribuire al tuo?

Vale e io ci conosciamo da anni e ognuno di noi conosce i nostri punti di forza. Siamo molto esperti e con esperienza. Secondo me, è uno dei giocatori più pronti sul circuito, con un incredibile potenziale fisico. Penso che il nostro gioco sarà molto tattico. Sia lei che io pensiamo molto e siamo consapevoli che dipenderemo dalla percentuale 100 del nostro stato fisico.

D'altra parte, vorrei dire che Vale non ha molto da contribuire ad esso. Se è concentrata, è molto difficile per il suo rivale sapere cosa sta per fare. In questo senso, ciò che posso contribuire è la tranquillità nell'aspetto psicologico. Dato che abbiamo già suonato insieme, entrambi sappiamo di cosa abbiamo bisogno in ogni momento del gioco, anche quando dobbiamo parlare tra loro, hahaha. Penso che sia per questo che è andata così bene per noi quando eravamo insieme. La sicurezza che lei mi dà è che se proponiamo qualcosa ... andiamo a morire per questo !! Raggiungere questo come coppia è qualcosa che a volte costa ...

Quali sfide e obiettivi hai impostato per 2014?

Come ho detto in un'intervista che è stata fatta di recente, ora essere tra le migliori coppie 6 è quello che era prima di essere tra gli 4. Il nostro primo e grande obiettivo sarà quello di essere nei Maestri ma, naturalmente, aspira sempre a più e inserire le prime coppie di 4 della classifica sarebbe l'ideale.

Come valuti la stagione vissuta con Marta Marrero?

Bene, la stagione con Marta può essere valutata in diversi modi. Tutto dipende da come lo guardi. Se ci concentriamo sul risultato finale, iniziamo l'anno come coppia 8 e finiamo come 6. In questo senso, non è male.

Se ci concentriamo sui risultati, almeno nel mio caso non è stato come mi aspettavo. Anche se abbiamo avuto diverse coppie del primo 4 con risultati molto giusto, come 7-6 nella terzina si staglia contro Carol e Ceci, non avremmo mai potuto chiudere qualsiasi partito ... che alla fine vi sarà mangiare la testa, anche se devo ammettere Quello fu il nostro primo anno insieme.

Cosa possiamo aspettarci dai fan della stagione 2014 nel Circuito femminile?

Bene, penso che andrà molto bene. Calcolo che tutto sarà molto uniforme e che sarà molto divertente. Già in 2013, e dal secondo round, si potevano vedere giochi spettacolari, in cui i primi semi dovevano essere utilizzati a fondo per vincere. Non è un argomento ... Questo sta migliorando ogni anno.

Com'è stata la prima esperienza dei giocatori nel nuovo circuito professionale?

È chiaro che ognuno lo vedrà dal loro punto di vista e, naturalmente, con i loro interessi intermedi. Sono dell'opinione che ci siano sempre cose buone e cattive. Idealmente, hai altri test. In 2013 c'era 7 e questo, almeno, ci sarà 9. In breve, dobbiamo anche ringraziare che abbiamo un circuito.

La donna è la grande dimenticata del mondo della pagaia?

Non so se ciò accade solo nel mondo della pagaia. Penso che la stessa cosa accada in tutti gli sport. Le donne giocano anche a calcio, tennis e migliaia di altri sport, anche se sembra che solo gli uomini giocassero. Pertanto, penso che ciò che viene dato nella pagaia è qualcosa che accade in generale in tutte le discipline. Non dubito che gli uomini abbiano una forza e uno spettacolo fisico spettacolare, che facciano cose che per una donna sono quasi impossibili ... Tutto ciò vende molto. Contro questo, non possiamo fare nulla ed è chiaro che se qualcosa vende e si presenta come un buon affare, ognuno è il proprietario di investire i propri soldi in ciò che vogliono.

Come e quando è nata l'opzione di unirsi al team di Ochopadel?

L'opportunità è nata quando ho terminato il mio contratto con Star Vie alla fine di 2013. Da quello che era il mio marchio mi hanno detto che non era ancora chiaro se mi avrebbero rinnovato o meno e, per questo motivo, gli ho detto che avrei iniziato a muovermi con i marchi. Sono stati loro a dirmi che c'era una nuova azienda chiamata OchoPadel che stava scommettendo sul padel femminile, così il mio agente li ha contattati e il giorno dopo eravamo in contatto.

Cosa ti ha portato ad accettare la sua offerta?

Beh, ad essere onesti, quello che mi ha portato ad accettare la sua offerta è stato che era un marchio che poteva essere più protagonista. A quel tempo, avevano solo un giocatore e, sinceramente, quello era qualcosa che mi interessava molto. Poi, quando ho inserito la pagina di OchoPadel, ho adorato i modelli di abbigliamento ... li ho trovati belli. Ho anche visto che per anni erano nel golf e ho capito che si trattava di una ditta seria, che per me è molto importante.

Cosa ne pensi delle loro lame e del loro tessuto?

Bene, dal primo momento che ho visto il catalogo sul web, l'ho adorato. Tutte le aspettative sono state superate quando sono andato in ufficio e mi hanno dato i vestiti. La sensazione era indescrivibile perché la qualità del tessuto è incredibile. Le finiture degli abiti e i dettagli sono spettacolari.

Cosa rende OchoPadel diverso dagli altri marchi sul mercato?

Per cominciare, tutti i suoi prodotti sono fabbricati in Spagna. A loro volta, sono molto creativi e perfezionisti, sempre con l'idea di avere la migliore qualità possibile in tutto. Si sforzano di essere diversi. Per quanto riguarda i set di abbigliamento, sono unici. Non ho visto nessuna marca di padel con quei disegni o con quella combinazione di colori felice. Ecco perché OchoPadel è diverso dagli altri marchi.

Perché consiglieresti alla donna di provare i prodotti di Ochopadel?

È chiaro che è un marchio che, per ora, è diretto molto più verso le donne. Basta entrare nella pagina web per vedere quanto sono originali i capi ... La qualità può essere trovata avvicinandosi a un negozio. Posso solo dirti che non ti pentirai di prendere i tuoi prodotti perché sia ​​le lame che i modelli tessili sono di ottima qualità. Lo attesto. Questo è importante perché dove c'è qualità, i vestiti hanno una durata che non è la stessa.

Quale messaggio vorresti avere ai fan?

Dite loro che, nonostante quello che ho detto nella domanda precedente, che gli uomini hanno un'incredibile esibizione fisica e fanno cose spettacolari, il padellone femminile, nonostante sia più lento, è molto tattico e più reale nel senso di che le persone si sentano più identificate per essere in grado di farlo. Quindi direi che quando c'è un torneo femminile, vengono a guardare le partite, non solo dalle semifinali ... Possono anche avvicinarsi ai club dove il torneo parte dal turno dei 16 e quarti perché ora le partite non sono così come sono qualche anno fa, dove a volte veniva molestato un sacco di pallone e ce n'erano pochi che definivano o giocavano con velocità ... Il livello delle ragazze è aumentato molto, ci sono più giocatori che si allenano e che dedicano più tempo a questo sport, cosa ci sono molti incontri belli e divertenti ...

* Foto inedita, mai pubblicata prima, in cui Vale e Nela ricevono il titolo di Subcampeonas nella loro prima partecipazione a un Campionato mondiale di paddle.

* Puoi seguire tutte le notizie del mondo della pagaia nei nostri profili di Facebook y Twitter così come iscriversi al nostro Newsletter Notizie quotidiane

Commenti

Commenti