Era uno dei giocatori di tennis con più futuro nel mondo del tennis, ma un infortunio lo ha costretto ad annunciare il suo ritiro. Ora, diversi anni dopo, occupa il numero 1 nel Ranking World Pádel Tour ... Non perdere l'intervista a Marta Marrero.

Padel World Press .- Era il mese di gennaio quando le notizie di 2010 scossero i tifosi spagnoli per giocare a tennis ... Dopo molti disagi, un'operazione e grandi sforzi per continuare a competere, Marta Marrero confermò la sua decisione di appendere la racchetta.

Il canarino sapeva che non poteva competere ancora con il 100% in uno sport così impegnativo come il tennis e, con solo 27 anni, ha dovuto chiudere un bel palco ... Per aprirne un altro altrettanto spettacolare.

A poco a poco, Marta iniziò gli studi in Turismo, conoscendo il padel ... Uno sport che oggi è diventato il suo modo di vivere.

Non perdere questa intervista.

La vita ci mette sempre alla prova, tutto passa attraverso qualcosa ... Quando e come hai incontrato la pagaia?

Un anno dopo aver lasciato il tennis, grazie ad alcuni amici. All'inizio, ho iniziato a suonare sporadicamente fino a quando mi sono appassionato poco a poco. La mia idea iniziale non era quella di gareggiare di nuovo ma quando giocavo da solo da un anno e mezzo, il worm tornava a giocare il campionato dispari.

Cosa ti ha colpito di più di questo sport?

Assomiglia a tennis in alcuni scatti e giocando con i muri l'ho trovato divertente ... Ovviamente, devo ammettere che all'inizio mi ci è voluto un po 'per introdurli nel gioco.

Qual è stato il momento, cosa ti ha fatto salire e decidere di gareggiare?

Dopo un anno e mezzo di gioco da solo con gli amici, ho deciso di iniziare a prendere lezioni con Juan Alday, il mio attuale allenatore. È stato lui a incoraggiarmi a gareggiare nel circuito catalano. Sono stato benissimo e sono stato motivato sempre di più.

Si parla molto dell'adattamento dei giocatori alla pagaia ... Quanto ti è costato di più incorporare nel tuo gioco e quale pensi sia il vantaggio?

Come stavo dicendo, alcuni pugni sono simili al tennis: il tormentone è stato buono fin dall'inizio, come la pallavolo. Ciò che mi costa di più sono le mura e il gioco difensivo.

Hai recitato in una progressione meteorica ... Ti aspettavi di essere così presto nelle prime posizioni del Ranking?

La verità è che non mi aspettavo di salire così veloce, ma devo dirvi che ho messo un sacco della mia parte ... Ed è che ho avuto molti svantaggi in termini di anni di pratica rispetto ai migliori giocatori del Circuito. Ho trascorso molte ore in pista e, soprattutto, un sacco di entusiasmo ed entusiasmo.

Il livello del Circuito femminile non smette di crescere ... Quali diresti sono le principali caratteristiche dell'attuale paddle da donna?

La paletta attuale è più aggressiva. Il cambiamento è dovuto all'incorporazione di ex giocatori di tennis sul circuito, con tiri più potenti e definitivi. Questo è il caso di giocatori come i gemelli Sánchez Alayeto, Victoria Iglesias, Lucia Sainz e io. Abbiamo un sacco di bestiame per venire dal tennis, fisicamente e mentalmente, soprattutto.

Qual è un giorno normale nella preparazione di Marta Marrero?

Io faccio 2 ore di pagaia e ore fisiche 2 al mattino. Inoltre, alcuni giorni faccio una doppia sessione con i giochi. Nel pomeriggio do alcune lezioni di Paddle ad Augusta Pádel, a Sant Cugat del Vallés e, attualmente, sono coinvolto in un nuovo progetto con la mia Paddle School che inizierà questo settembre ... Insegnare è qualcosa che mi eccita anche! !

Vedi molta differenza tra preparazione per il tennis e preparazione per paddle tennis?

Sì. La preparazione nel tennis è più impegnativa.

Insieme ad Alejandra Salazar, occupi il primo posto nel Ranking ... Cosa significa per te ricevere la tua chiamata per giocare insieme?

Era il giocatore con cui ho sempre voluto giocare e, anche se ho avuto una stagione molto buona con Cata Tenorio, non potevo perdere l'occasione di gareggiare accanto a chiunque volessi. Non ho sbagliato. Stiamo facendo una grande campagna.

Cosa porta Ale Salazar al tuo gioco e cosa contribuisci al suo?

Ale ha un potenziale incredibile. Il suo gioco è aggressivo e, allo stesso tempo, ha dei colpi magici. La sua destra e il suo vassoio sono devastanti. I nostri giochi offensivi si completano a vicenda; dobbiamo migliorare la parte difensiva e il rapporto. È qualcosa che dà il tempo insieme in pista.

Cosa ha significato per la tua carriera che un'azienda come la Black Crown voleva scommettere su di te?

Sono felice di appartenere al team Black Crown, un marchio che si evolve e cresce in Spagna anno dopo anno. Mi sento identificato con l'essenza del marchio. La qualità delle lame e del tessuto è perfetta per me e il rapporto che ho con il team umano che lavora per il marchio è di 10.

Con quale pala della nuova collezione giochi e perché la consiglieresti a qualche fan?

Ho deciso di giocare con il modello Ice, una lama a forma di diamante. Sottolineo che ha un sacco di potenza e allo stesso tempo controlla ... È perfetto per il mio tipo di gioco !!!

Poco a poco Black Crown inizia a suonare con forza nel mercato ... Quali caratteristiche vorresti evidenziare in modo che i fan sarebbero incoraggiati a provare i loro diversi modelli?

Esiste una vasta gamma di modelli, ideale per tutti i tipi di pubblico. Ogni lama ha le sue caratteristiche particolari. Io, i miei studenti, consiglio sempre di provare alcuni paddle secondo il tuo gioco e poi scegliere.

Come ti descriveresti all'interno della traccia? Qual è la tua più grande virtù e il tuo difetto come giocatore?

Se dovessi descrivermi, direi che sono positivo, combattivo e aggressivo. Maggiore virtù, la testa e, mia colpa, essere troppo esigenti.

Hai qualche mania che può essere contata prima dei giochi?

La verità è che sì. Devo avere tutto sotto controllo: presa perfetta, i miei prodotti 3Action a mano (isotonici, gel, ...), ecc.

Sei sicuro di averne tanti ma, quale aneddoto tieni con più affetto di tutto ciò che hai vissuto grazie alla pagaia?

Ci sono molti momenti che ricordo con amore speciale, specialmente il primo torneo professionale che ho vinto insieme a Cata Tenorio a Valencia. Ritornare a una Corte centrale con le gradinate piene di gente è molto eccitante.

Cosa ha cambiato la Marta Marrero che ha iniziato a giocare a paddle tennis come un modo per continuare a praticare sport della corrente?

Bene, al momento, ciò che è cambiato è che la pagaia ha smesso di essere un hobby ed è diventata la mia professione, con la quale mi guadagno da vivere.
Che sogni, quali obiettivi vorresti realizzare nel mondo del paddle tennis?

Continua a crescere come giocatore e, soprattutto, continua a goderti questo nuovo stadio al massimo. So che è una bella opportunità che mi ha offerto di nuovo la mia vita e questo mi rende molto felice.

Quale messaggio vorresti trasmettere ai lettori di Padel World Press?

Vorrei dire a tutti i lettori che sostengo e li incoraggio a continuare a praticare, divertirmi e sostenere questo meraviglioso sport.

* Puoi seguire tutte le notizie del mondo della pagaia nei nostri profili di Facebook y Twitter così come iscriversi al nostro Newsletter Notizie quotidiane

Commenti

Commenti

condividi
articolo precedentePadel Stories: Da Tolosa a Monte Carlo
articolo successivoComincia il conto alla rovescia: la nuova sorpresa Varlion sta arrivando
Padel Word Press
Padel World Press è un giornale on line dedicato al mondo della pala che durante 24 ore al giorno, sarà responsabile di fornire l'ultimo minuto del secondo sport più popolare in Spagna. Notizie, interviste, report, analisi ... Tutti gli appassionati potranno godere della pala da un nuovo punto di vista, sempre serietà, rigore giornalistico e la conoscenza di una squadra con più di un decennio di esperienza nel mondo del paddle tennis.