È uno dei migliori allenatori nel mondo del paddle tennis. È stato quasi 15 anni dedicati a questo sport, che è venuto dopo il suo tempo nel tennis. Le sue grandi qualità didattiche e la sua capacità di connettersi sia con i suoi giocatori sia con i fan sono diventati due dei suoi principali tratti distintivi. Da questo momento, i lettori di Padel World Press potranno divertirsi con i loro articoli sempre interessanti.

Padel World Press .- L'anno 2001 si stava avvicinando alla fine quando, nella sua esibizione come istruttore di tennis, si unì al Fuencarral Tennis Club, dove ancora oggi trascorre la maggior parte del suo tempo. A quel tempo, è stato fortunato a coincidere con alcuni dei migliori tecnici di Madrid, dei quali non ha smesso di imparare. Professionisti come Javier Martí, Paco Moya, Gonzalo Gutiérrez, Manuel Luengo o i fratelli Batalla, per dare alcuni esempi, furono alcune delle loro prime fonti.

Ricorda ancora con particolare affetto quegli anni, in cui non mostrava alcun interesse per uno sport che gli sembrava “un gioco, qualcosa di assurdo per dimensioni e velocità di palla”. Tuttavia, come in molti altri casi, a poco a poco è entrato in pista e nel 2002 ha deciso di ottenere il titolo di Padel Monitor con il FEP ...

Da allora non ha più messo piede su un campo da tennis.

Quando e perché ti è stato chiaro che il tuo futuro sarebbe stato collegato all'insegnamento e all'insegnamento?

Nel 2002. In quel periodo frequentavo il primo anno di Ingegneria Industriale e combinavo la laurea con la mia attività a Fuencarral, dove insegnavo lezioni come attività per pagare la laurea e le mie spese. Non mi ci sono voluti sei mesi per capire che non era quello che volevo. Quello in cui ero veramente bravo era insegnare. Nel settembre dello stesso anno mi iscrissi all'INEF del Politecnico di Madrid e lì iniziò la mia carriera nel mondo dell'attività fisica e dello sport.

La pagaia ha subito un'evoluzione importante negli ultimi anni. Dal tuo punto di vista, quali sarebbero le modifiche più rilevanti?

Indubbiamente l'evoluzione è stata brutale. Penso che i cambiamenti più rilevanti siano dovuti a diversi fattori. Innanzitutto, i materiali e l'industria che circonda il mondo della pagaia. Miglioramenti degli ultimi anni 30 nei materiali, proprio come è successo con il tennis, lo sport ha favorito fasi di cambiamento e di regolazione. Così, le palette, le sfere, i binari stessi, i club, tutto questo rende l'aspetto del gioco è cambiato. D'altra parte, c'è il grado di professionalità raggiunto da padel in Spagna. Questo movimento già vissuto in Argentina durante gli anni 90, ma la Spagna si è materializzato più difficile meno di 10 anni fa. In questo momento, c'è un'élite di giocatori di padel che possono vivere su di esso. Questa circostanza rende gli altri giocatori si preparano e si sforzano di seguire le sue orme, generando un'inerzia che spinge allenatori di miglioramento, formatori, psicologi, fisioterapisti, ecc ...

A livello tattico ea livello tecnico, quali sono le notizie più interessanti che hai notato negli ultimi tempi?

Tecnicamente, tutti sono stati colpi eliminati. I giocatori di oggi sono più tecnicamente completo e quindi possono utilizzare più risorse nel gioco. A livello tecnico, in particolare mi colpisce lo sviluppo di rovescio a due mani, soprattutto nelle donne pagaia. Essi sono stati contati, mentre esempi di giocatori con rovescio a due mani e favorito dal passaggio di paddle tennis, buoni risultati che stanno ottenendo con questo filmato mi ha sorpreso. A livello tattico pádel maschile è sviluppato molto nel gioco sotto. Ovviamente delle eccezioni: oggi, prima di una breve palloncino, il punto sarà finita in un solo colpo, che i giocatori hanno sviluppato la capacità di colpire più di raffiche rivali essere chiari circa la possibilità di giocare il globo. Pádel nella parte femminile stanno copiando questa filosofia. Con l'incursione di grande gluer, i rivali hanno chiaramente devono tirare una qualità palloncino o l'asta è definitiva.

Il lavoro tattico e tecnico svolto da un allenatore sembra sempre più importante. Come lavori su quella trama con i giocatori?

Oggi un giocatore di padel senza un allenatore non è concepito, tranne in rare occasioni (al momento ne conosco solo uno ...). In ogni caso, questo lavoro è quotidiano e lo dividiamo per fasi. In questo momento siamo nella preseason, momento in cui facciamo il punto della stagione 2015 e in cui fissiamo gli obiettivi per la campagna 2016. Questo lavoro mi piace farlo in modo attivo con il giocatore stesso, dal momento che sarà molto più attivo a lavorare se lui stesso è parte del processo. Da lì, è il momento di stringere i denti e lavorare. Solo perseverando e avendo obiettivi chiari gli obiettivi possono essere raggiunti.

I giocatori si conoscono già molto perché si sono dovuti fronteggiare in numerose occasioni ... È ancora possibile sorprendere i "soliti rivali"?

Certo; in ogni partita i giocatori partono con l'illusione e il desiderio di vincere. Viviamo in un momento in cui da un telefono cellulare possiamo accedere agli incontri dei nostri rivali, scaricarli, analizzarli, avere le loro statistiche, ecc. In questo senso, estraiamo le informazioni da ogni duello, da cui otteniamo conclusioni e sviluppiamo nuove tattiche da implementare nel gioco. Il problema di tutto questo è che anche i rivali possono fare lo stesso e, di regola, contrattaccare per cercare di portarci sulla loro terra. In questo senso, lo psicologo dello sport ha molto da offrire perché il più grande problema di questi giochi arriva quando il giocatore si sente in un punto di attrito che non sa come uscire.

La pagaia è uno sport sempre più impegnativo. Come si preparano gli allenatori per rimanere aggiornati e adattarsi alle nuove esigenze?

Per fortuna viviamo nella società dell'informazione e tutti noi abbiamo accesso ad essa. Ogni volta che posso, cerco di osservare gli altri allenatori nello sviluppo della loro attività, con i loro giocatori in allenamento, partite, ecc. È così che ho iniziato ad allenarmi ... E la verità è che sto ancora imparando molto dagli altri tecnici. Inoltre, possiamo prendere informazioni da altre discipline sportive e importare nel nostro sport quegli aspetti che consideriamo interessanti. In ogni caso, ogni giorno è più importante avere una buona squadra multidisciplinare per poter prendere i giocatori. Questa squadra è composta dall'istruttore fisico, dal tecnico e dallo psicologo dello sport. Inoltre, la presenza di un fisioterapista e di un nutrizionista chiude il cerchio in perfetta preparazione. Nel mio caso, più contatti ho con loro, più imparo a essere in grado di aiutare l'atleta a svilupparsi.

Hai molti giocatori professionisti al tuo comando ... Come si preparano solitamente le partite più importanti con loro?

La prima cosa che facciamo è parlare delle partite precedenti che abbiamo giocato contro di loro. Nella maggior parte dei casi, i tuoi stessi giocatori li conoscono già perché se non si sono incontrati prima sul circuito, si conoscono dagli allenamenti, ecc. Quando parliamo di partite di Final Draw, abbiamo la possibilità di guardare insieme i video di altre partite. In questo modo memorizziamo le mosse che consideriamo di successo. E, soprattutto, uniamo i criteri su ciò che verrà fatto in pista. L'idea è di uscire e fare quello di cui abbiamo parlato negli spogliatoi, vincere o perdere, come una squadra.

Quanti giocatori del circuito professionale si allenano ai tuoi ordini in questo momento?

Al momento sto allenando la coppia composta da Raúl Díaz e Raúl Marcos, così come Antonio Luque, Mario González e Carlos Sarralde. Nelle ragazze, Alejandra Salazar.

Essendo lo sport di una coppia, l'esaurimento emotivo può essere un fattore molto importante. Come vengono gestite le relazioni personali in modo che non influenzino le prestazioni?

Chi non si è dedicato al paddle tennis professionale non sa quanto si logora una relazione durante una stagione. Il modo in cui viene gestita questa relazione di solito comporta l'economia e la priorità dei momenti che la coppia trascorre insieme durante il giorno. La cosa interessante è che si condivide del tempo di qualità, momenti che si aggiungono alla coppia per il loro valore padelistico o come squadra. L'allenatore ha molto da dare in questo senso, poiché gestisce gli allenamenti quando non è in viaggio. È in questo momento che una buona attrezzatura da allenamento aiuta ad allentare la tensione in alcuni momenti della stagione.

Pensi che la lotta o lo scontro di ego possa fare sì che una buona coppia non ottenga i risultati attesi?

A volte, agenti esterni possono influenzare notevolmente un giocatore. Quando tutti applaudono persino un giocatore per il suo talento, e ovunque vada a tifare, non è così facile tenere i piedi per terra. Questo è un aspetto da valorizzare nei grandi campioni, che hanno sempre cercato di crescere e migliorare come giocatori. All'interno di una coppia, i ruoli sono condivisi. Quando i due giocatori vogliono sviluppare lo stesso ruolo, possono sorgere conflitti. Qui è dove il rispetto per l'allenatore può aiutare a canalizzare la coppia.

Con la preseason in corso ... È difficile per i giocatori recuperare le loro batterie?

La verità è che la maggior parte dei giocatori non vede l'ora di iniziare. I giocatori vivono per competere e l'inattività li uccide. Nel 2014, il circuito WPT è iniziato un mese e mezzo dopo. Quell'anno stavo allenando la coppia Reca-Nerone. Un mese prima del torneo di Barcellona, ​​i giocatori erano stufi di allenarsi così tanto. Annoiato La settimana prima del torneo è stata la loro migliore settimana di allenamento, non per un problema di pianificazione, ma per la gioia e l'aspettativa che sono tornate a competere.

Di tutte le promesse future che hanno spinto molto, quali vedete con più opzioni da consolidare nell'élite?

Ho molta fiducia nei miei giocatori, Raúl Marcos e Mario González. Paddle ha davvero un grande futuro e sarebbe difficile scommettere, ma provo devozione per Javier Concepción e Álex Ruiz. A livello femminile, è chiaro che Marta Ortega e Victoria Iglesias hanno colpito duramente. In ogni caso, il cast di giocatori provenienti dalle Anteprime è sempre più grande.

Quale messaggio vorresti trasmettere ai lettori di Padel World Press?

Vorrei ringraziarvi per il tempo trascorso a leggere i miei articoli, e soprattutto che sono utili. Non vorrei altro che aiutarli a migliorare in pista.

* Puoi seguire tutte le notizie del mondo della pagaia nei nostri profili di Facebook y Twitter così come iscriversi al nostro Newsletter Notizie quotidiane