Padel World Press - La pagaia femminile vive una delle sue migliori tappe. Ci sono diverse coppie, oggi, disposte a sognare di conseguire una laurea World Padel Tour e uno dei più importanti degli ultimi tempi, per i suoi meriti, è quello formato da Ana Catarina Nogueira e Paula Josemaría.

Ed è che la coppia otto della classifica femminile stava per capovolgersi questo sabato all'Arena di Madrid ottenendo un'epica vittoria contro il numero due composto da Alejandra Salazar e Ari Sánchez. Ma non sarebbe facile.

Perché Ale e Ari sono saltate in pista con la lezione appresa dai precedenti duelli, e nello stesso round, e hanno deciso di imporre il loro ritmo avere uno scontro semifinale il più placido possibile.

Così sarebbe nel primo round in cui Josemaría e Nogueira sono state ammanettate grazie a un gioco vivace e diretto che ha fatto ammaccare i loro rivali fino a quando non si sono innamorati di 6-1.

Sarebbe proprio lì, con tutto perduto, quando Josemaría e Nogueira avrebbero reagito. E in che modo. Sono entrati in gioco, a poco a poco hanno preso la sensazione con la palla e hanno iniziato a causare errori nel doppio numero due.

Sarebbe il pareggio a decidere che la prima semifinale sarebbe andata alla terza e alla finale e, lì, sarebbe arrivato il migliore della partita.

Tutto stava per essere deciso e i quattro giocatori hanno alzato il loro livello. La pagaia che si rifletteva sui venti per dieci era molto, molti carati, e quindi sarebbe andata a un pareggio definitivo ed emozionante.

Una morte improvvisa in cui tutto poteva succedere, ma dove decise Paula Josemaría. Il giovane argentino fu eretto, come in tutto il terzo set, come protagonista dell'incontro con una personalità incommensurabile e decantato il gioco che sarebbe finito chiudendo in favore del duo otto da 6-1, 6-7 e 6-7.

Llaguno e Amatriaín rovesciano il numero uno

Se la notizia fosse saltata al Master di Madrid al mattino, il pomeriggio avrebbe avuto ancora molte sorprese salvate e, in gran parte, sarebbe stato grazie all'esibizione di alcuni rivoluzionari Patty Llaguno e Eli Amatriaín.

Perché la seconda semifinale femminile del Maestro di Madrid Stavo per affrontare le coppie uno e cinque del World Padel Tour e il favoritismo era molto marcato nelle figure di Marta Marrero e Marta Ortega.

I leader della classifica eserciterebbero senza pressione il loro ruolo nel primo set e dominerebbero letteralmente alcuni rivali che guardavano fuori ritmo e sbagliavano più del solito nel loro gioco tranquillo e deciso.

Il primo set sarebbe caduto dalla parte di Marrero e Ortega, ma la tendenza di quest'ultimo, in cui Llaguno e Amatriáin minacciavano il ritorno, avrebbe segnato il futuro delle due rimanenti maniche.

Perché, quando l'intero gioco sembrava chiaramente dominato dai numeri uno, saltava in aria. Llaguno e Amatriaín, che furono puniti dai quarti di finale, riemersero quando sembrarono più lontani dalla vittoria forgiare un pass per la finale che fa già parte della storia del World Padel Tour.

Hanno abbinato la partita con un secondo set perfetto e, nel terzo turno, hanno esteso il loro vantaggio per, in seguito, sopportare lo scoppio della casta di Marrero e Ortega che stavano per abbinare la gara.

con un marker finale di 6-3, 3-6 e 4-6 la coppia numero cinque del World Padel Tour ha ottenuto il suo primo passaggio per una finale in questo corso e ha dato la sorpresa nel turno pomeridiano.

* Puoi seguire tutte le notizie del mondo della pagaia nei nostri profili di Facebook y Twitter così come iscriversi al nostro Newsletter Notizie quotidiane

Commenti

Commenti